Comunicato UNIONE SINDACALE ITALIANA / SANITÀ

GREGGI, PECORE, LUPI E VIRUS

LA GUERRA È DEL MONDO CONTRO GLI UOMINI, PER COME LO HANNO RIDOTTO E PER COME CONTINUERANNO A RIDURLO SE NON SI FA QUALCOSA, E INTANTO SI COMBATTE CON QUELLO CHE RIMANE DEL SSN FATTO A PEZZI PER RAGIONI DI MERO SQUALLIDO GUADAGNO

Il criminale ritardo di almeno un mese con cui gli organi “sanitari” regionali hanno finalmente avviato il blocco produttivo (specialmente in Lombardia) che non appare ancora soddisfacente visti i risultati parziali, nonché l’auto isolamento della popola-zione (sempre vincolato al blocco produttivo) appare sconcertante, ma non inatteso. La grande massa di emarginazione, dei la-voratori in nero, o in grigio, abbandonati a se stessi ha fatto infine la sua parte…

Difficile attendersi di più dalla specie dei politicanti galeotti che ben conosciamo, personaggi che per decenni hanno tirato maz-zate e ritirato mazzette su quella Sanità pubblica che i nostri padri usciti dalla Guerra Mondiale hanno messo in piedi con grandi entusiasmi e sacrifici. Decine di migliaia di posti letto, ordinari e di rianimazione spariti. Quasi 50.000 operatori in meno nel SSN nel giro di nemmeno un decennio! Ospedali pieni di lavoratori ormai anziani che non vengono sostituiti!

Leggi tutto: Comunicato UNIONE SINDACALE ITALIANA / SANITÀ

MILANO - COMITATO DIFESA SANITA’ PUBBLICA CITTA’ METROPOLITANA SUD OVEST

I cittadini e i lavoratori riuniti nel

COMITATO DIFESA SANITA’ PUBBLICA CITTA’ METROPOLITANA SUD OVEST

intendono segnalare i problemi esistenti negli ospedali S. Paolo e S. Carlo:

  • I dispositivi di protezione individuali mascherine FFP3, tute tipo tyvek, occhiali e/o maschere con visiera di protezione, cuffie, calzari e guanti non sono sufficienti e in diversi casi sono inesistenti con la conseguenza che ci sono lavoratori dei reparti infetti che lavorano in maniche di camicia o maglietta
  • al personale che lavora in contatto diretto nei reparti covid19 non vengono fatti i tamponi periodici
  • a tutto il restante personale non sono mai stati fatti i tamponi anche se alcuni di loro sono entrati in contatto con pazienti positivi
  • i reparti che solo da poco sono usati per la cura del Covid 19 non hanno la doverosa separazione tra zone infette e zone pulite.
Leggi tutto: MILANO - COMITATO DIFESA SANITA’ PUBBLICA CITTA’ METROPOLITANA SUD OVEST

Comunicato USI-CIT Modena

QUESTA NON E' UNA GUERRA, MA UNA GUERRA DI CLASSE

 

Non conosciamo e forse non conosceremo mai la verità su da dove sia uscito questo virus, non sappiamo e forse non sapremo mai se appartiene alle guerre batterio logiche che molti eserciti stanno preparando.

Sappiamo che siamo in guerra, che le nostre libertà vengono erose.

Sappiamo che di fronte alle guerre batteriologiche, scatenate dalla natura o dalla nefasta e militarista natura umana, ci si oppone solo con un sistema sanitario collettivo, gratuito e presente su tutto il territorio.

Invece dopo anni di smantellamento della nostra sicurezza sanitaria ci troviamo a fare i conti su chi dev’essere salvato, o può essere lasciato morire, siamo in guerra.

Dopo anni di sottomissione nei luoghi di lavoro, colpa della concertazione dei sindacati di stato, ci troviamo ad essere coloro che sono obbligati ad uscire mentre imperversa il “tutti a casa”, coloro che rischiano quotidianamente di morire sul lavoro e ora anche di essere infettati.

Chi diceva di proteggerci dal nemico non lo ha fatto e adesso vuole farci credere che i nemici siamo noi, ha fallito, se ne deve andare. Ai padroni che si permettono di sacrificare persone e risorse per il profitto diciamo la stessa cosa. Siamo in guerra, ma è una Guerra di Classe.

USI-CIT Modena

24 Marzo 2020 - Comunicato USI/Sanità Milano Ospedale SAN RAFFAELE

COVID-19 - LAVORATORI OSR AL FRONTE SENZA TUTELE E RICONOSCIMENTI

 

IL GRUPPO OSPEDALIERO SAN DONATO È DA PIÙ DI 60 ANNI IL BALUARDO DEL SISTEMA SANITARIO PUBBLICO

Cominciano così la serie di mail, che tutti noi, abbiamo ricevuto sull'indirizzo di posta aziendale da parte della Presidenza del Gruppo San Donato, che elencano una sequela di meriti e impegni e dove traspare una sorta di onnipotenza da parte della Proprietà.

VANTA la Presidenza: IL GSD, È BALUARDO DEL SISTEMA SANITARIO PUBBLICO.

Ma, la Proprietà APPLICA nelle proprie strutture, UN CONTRATTO DI LAVORO DIVERSO DALLA SANITÀ PUBBLICA: IL CCNL PRIVATO AIOP.

È EVIDENTE CHE ESISTE UN CONTRASTO TRA CIÒ CHE È DICHIARATO E LA REALTÀ, un’incoerenza da parte della Proprietà, che sfocia nell’ostentare una sorta di onnipotenza, a discapito della salute e tutela dei lavoratori.

Leggi tutto: 24 Marzo 2020 - Comunicato USI/Sanità Milano Ospedale SAN RAFFAELE
Top