ASSEMBLEA NAZIONALE 29 SETTEMBRE

L’Assemblea Nazionale che si è tenuta a Milano nella giornata di sabato 29 settembre, organizzata da CUB, SI Cobas, Slai Cobas, USI-AIT, promotori dello sciopero generale del 26 ottobre (assente Sgb) ha visto la partecipazione di un centinaio di delegati. E’ stata data lettura alla Relazione unitaria, con le integrazioni proposte da USI, da una immigrata egiziana ( della prima parte del testo) che fa parte del gruppo di occupanti che si definisce “Mario dice 26x1”. Sono state vittime del primo sfratto dopo la rioccupazione dell’edificio abbandonato del Alitalia, nel comune di Sesto San Giovanni, dove il prefetto ha eseguito alla lettera la circolare del Ministro degli Interni salvini che ordinava lo sgombero immediato delle case ed edifici occupati.

Leggi tutto: ASSEMBLEA NAZIONALE 29 SETTEMBRE

VII Giornata Nazionale SFRATTI ZERO

Comunicato : 25 anni di lotta e di progetti

Comunicato : 25 anni di lotta e di progetti

Sebbene i lavoratori ospedalieri aderenti all’USI iniziarono a collegarsi tra di loro già dal 1978,l’USI sanità si costituisce ufficialmente a Milano nel 1993 a seguito dell’assemblea nazionale tenutasi sempre a Milano nell’ottobre 1992 e la quale deliberò la costituzione del sindacato nazionale di settore.

La storia di USIS è una storia fatta di 25 anni di lotte e di progetti importanti. Come ho già sottolineato in più occasioni USIS ha un potenziale enorme e lo ha dimostrato anche e soprattutto nelle lotte che sono state portate avanti in questi anni.

Leggi tutto: Comunicato : 25 anni di lotta e di progetti

Pioniere e rivoluzionarie. Donne anarchiche nella Spagna (1931-1975)

Pioniere e rivoluzionarie. Donne anarchiche nella Spagna (1931-1975)
DI Eulàlia Vega
Edizioni Zero in condotta

Un viaggio emozionante nella storia rivoluzionaria della Spagna narrato e vissuto con gli occhi (e soprattutto il cuore) delle donne. Undici donne, ma in realtà molte di più che non hanno voluto far apparire il loro nome, si raccontano e vengono raccontate. Il libro si apre sulle loro vite prima di esser nate, dai nonni ai genitori, contestualizzandole familiarmente quasi a sottolineare la unicità e singolarità della loro biografia, che sarà risaltata anche più avanti nel resto del libro.
Si snoda poi tra le loro memorie e le fonti storiche convenzionali abbracciando un periodo molto lungo che arriva fino alla morte di Franco (1975) ma va anche oltre, poichè le testimonianze hanno il pregio – e il compito - di allacciare e connettere il presente nella mente del lettore. E questo libro lo fa perfettamente. Di solito le storiografie sono fredde (eventi, numeri, date): non raccontano le emozioni e le passioni che sono state il motore della storia e delle vite che l’hanno costruita, quasi a significare che la storia è solo un insieme di fatti separati dal tempo attuale.

Leggi tutto: Pioniere e rivoluzionarie. Donne anarchiche nella Spagna (1931-1975)

INDENNITA’ DI REPERIBILITA’ PER I SERVIZI CIMITERIALI

RICONOSCIUTA L’INDENNITA’ DI REPERIBILITA’ PER I SERVIZI CIMITERIALI CHE LA COOPERATIVA SOCIALE DI PESARO TKV NON HA MAI VOLUTO REMUNERARE.


A seguito del ricorso presentato dall’Avvocato Raffaele Sebastianelli di Corinaldo, la Corte di Appello di Ancona dà ragione a Nicola Cesarano, operaio cimiteriale presso la Cooperativa sociale TKV (iscritto all'USI e da questa sostenuto), disponendo il pagamento di tutte le ore di reperibilità effettuate nei servizi cimiteriali affidati in appalto dal comune di Senigallia alla citata “Kooperativa”.

Nel periodo da settembre 2011 a gennaio 2013 il lavoratore infatti aveva svolto il servizio di reperibilità per l’eventuale recupero di cadaveri da incidenti su strada o su binari nel più breve tempo possibile dal momento della chiamata (servizio obbligatorio previsto dal capitolato di appalto con il Comune di Senigallia) che però non gli era mai stato indennizzato come invece previsto dal contratto nazionale delle Cooperative Sociali.

Leggi tutto: INDENNITA’ DI REPERIBILITA’ PER I SERVIZI CIMITERIALI

Riunione comitato al San Paolo

Domenica 2/9 alle ore 11.30 c'è stato un crollo ingente della controsoffittatura nel reparto di Ostetricia e Ginecologia e precisamente nella sala parto n.3 del piano T a seguito di allagamento. Al momento del crollo, in questa sala, per puro caso, non c'era ricoverata nessuna paziente. Si trovava solo una OSS intenta a sistemare degli armadi.

Dopo l'allagamento del servizio di Emodinamica di quest'inverno (quella volta era scoppiato un tubo fognario del piano superiore) che aveva provocato la chiusura di oltre una settimana del servizio, dopo l'allagamento di questa primavera della Clinica Odontoiatrica con ingenti danni e chiusura del servizio, ora in estate un altro episodio e speriamo che l'autunno non ci riserva qualche altra amara sorpresa.

Leggi tutto: Riunione comitato al San Paolo

Apre lo Sportello contro il mobbing e la micro repressione

Apre lo Sportello contro il mobbing e la micro repressione

Da tre anni USI sanità Careggi si occupa di Mobbing in azienda.

Con pochi mezzi e collaborando tra lavoratori abbiamo costruito una piccola rete di informazione-prevenzione che funziona.

Grazie alle segnalazioni dei lavoratori abbiamo denunciato e segnalato sia in azienda che ai vari organi competenti, situazioni di disagio che venivano completamente sottovalutate o negate.

Leggi tutto: Apre lo Sportello contro il mobbing e la micro repressione

SOLIDARIETÀ AI 23 CONDANNATI BRASILIANI

SOLIDARIETÀ AI 23 CONDANNATI BRASILIANI

L’Unione Sindacale Italiana esprime solidarietà e appoggio ai 23 militanti condannati per aver partecipato alle proteste contro la coppa del mondo brasiliana del 2014.

Il giudice Flávio Itabaiana, del tribunale di Rio de Janeiro, ha condannato la maggior parte dei militanti a 7 anni di carcere.

I crimini di cui sono accusati sono: danno alla proprietà pubblica e privata, lesioni fisiche, associazione criminale e corruzione di minore.

E’ chiaro che con questa condanna si vogliono criminalizzare i vari movimenti che negli ultimi anni si stanno sviluppando in Brasile.

E’ chiaro che con l’abbattimento delle Favelas per fare posti agli impianti sportivi e la repressione contro il caro biglietti degli autobus, lotte di cui bene ci ricordiamo, ci si sta incamminando verso il liberalismo più spinto.

Leggi tutto: SOLIDARIETÀ AI 23 CONDANNATI BRASILIANI
Top